Forum dei Beni Comuni
div print
module 2243}
Forum dei Beni Comuni
Forum dei Beni Comuni
Remo Valsecchi
Remo Valsecchi

Opexaal - Opexaal-ALTRI COamorcosto della morosità

riferimento legislativo o Metodo Tariffario: costo servizio
La morosità è l'unpaid ratio, ovvero il tasso di mancato incasso delle fatture (bollette) entro 24 mesi dalla loro emissione.
Il "costo della morosità" previsto dal Metodo Tariffario è calcolato forfettariamente con coefficienti fissati da ARERA e ripartiti su tre aree geografiche nazionali, vedasi tabella, applicati alla somma dei punti A1 (ricavi attività caratteristica) e A5 (altri ricavi) del Valore della produzione espressa dal bilancio con riferimento all'anno - 2, cioè al secondo anno antecedente quello di riferimento.
coefficienti per calcolo morosità attuali
Nord Centro Sud
2021
2,00
3,00
7,10
coefficienti per calcolo morosità attuali
Nord Centro Sud
2021
2,00
3,00
7,10
Il calcolo non tiene assolutamente costo della reale situazione del gestore con la motivazione, da parte dell'Authority che, essendo il coefficiente inferiore alla morosità reale, è un meccanismo incentivante l’efficienza dell’attività di recupero credito. Cosa non vera, una fantasia, per giustificare maggiori ricavi, cioè utili, ai gestori, l'efficienza è un suo compito ed interesse mentre l'inefficienza non deve essere un costo per l'utente.
Nel caso specifico sarebbe opportuno capire le ragioni della morosità poiché, nel caso delle utenze domestiche, potrebbe essere dovuta ad una situazione di disagio sociale di cui deve farsi carico lo Stato anche perchè, l'accesso al servizio idrico è un diritto fondamentale essenziale per la stessa vita delle persone e, pertanto, rientrante nella tutela della salute e delle "cure gratuite agli indigenti" previste dall'art. 32 della Costituzione. Se l'assistenza alle persone disagiate è un onere sociale non può essere trasferito, in modo subdolo, agli utenti non morosi.
federutility tab 2
Si dovrebbe, inoltre, capire quali sono le utenze dove maggiormente si manifesta la morosità. Secondo statistiche di Federutility, oggi Utilitalia, la maggior morosità è imputabile alle Amministrazioni pubbliche, ai servizi all'ingrosso, cioè altri gestori del servizio idrico e ad utenze diverse da quelle domestiche, ma essendo più numerose le utenze domestiche e maggiore il loro consumo, diventa più comodo e utile distribuire su tutte le utenze, indistintamente, il "costo della morosità" riducendo quello delle utenze più morose a danno delle domestiche con una media rilevata che, per le stesse, si incrementa di circa un terzo.
Come solito e normale, nonostante il principio affermato, ma ignorato, di garantire le regole della concorrenza e del mercato, il sistema è quello di garantire il gestore in ogni modo, anche delle sue inefficienze, oltretutto nella gestione di un servizio in regime di monopolio naturale.
Ma, infine, al di là delle parole, spesso incomprensibili per la maggior parte delle persone, che cos'è il costo della morosità?
Non è la perdita del credito del gestore verso l'utente ma è il mancato pagamento entro i 24 mesi dal sorgere del credito per il quale, nel rispetto dei principi contabili, deve essere accantonato l'importo in uno specifico fondo rischi che non cancella il credito e che magari viene anche riscosso, in forte ritardo, con un costo finanziario coperto, però, dagli interessi di mora addebitati attualmente nella misura pari al tasso di riferimento fissato dalla Banca Centrale Europea maggiorato del 3,5%.
Non è possibile verificare la reale morosità non disponendo della documentazione necessaria, non essendo nemmeno illustrato nella relazione al Piano Economico Finanziario predisposto dall'Ente di Governo dell'Ambito, quasi sempre non viene nemmeno indicato l'ammontare del costo in tariffa e nemmeno nei pochi RDT (file di elaborazione del P.E.F.) disponibili è rilevabile il calcolo della morosità reale essendo inserito il dato finale che potrebbe anche essere un invenzione di chi lo ha predisposto.
Ancora una volta è d'obbligo una domanda. Lo sanno i Sindaci dei Comuni che devono approvare o esprimere un parere, magari obbligatorio e vincolante, sulle tariffe che nelle stesse è previsto un costo per la morosità non ben definita? Magari lo sanno ma va bene così perchè garantisce maggiori alle loro società visto che, in Italia, il servizio è gestito da società a capitale pubblico o a maggioranza pubblica.
Non disponendo dei documenti si ricorre ad una analisi del Piano Economico Finanziario predisposto da E.G.ATO, sulla base del Metodo Tariffario di ARERA, e dei bilanci dei gestori con una loro comparazione.
elemento tariffa sigla formula valore note
MTI-1
MTI-2

Please publish modules in offcanvas position.